Seleziona una pagina

Non sempre si ha la possibilità di intervenire sulla conformazione architettonica dello spazio cucina, ma le variabili compositive all’interno dello stesso ambiente sono comunque molteplici. Bisogna quindi trovare la soluzione più adatta per progettare una cucina dal punto di vista sia estetico che funzionale.

La cucina è oggigiorno il fulcro della casa, è una zona di ritrovo con i propri amici e familiari, un’area dove dialogare, guardare la tv, specie se è associata al soggiorno in un open space.
La cucina deve essere pensata come un posto comodo, dove potersi muovere liberamente senza impedimenti, avere tutto ciò che è indispensabile per assolvere alle funzioni preposte: piano cottura, forno, frigorifero, cappa, volumi contenitori e piani d’appoggio.

 

Come progettare una cucina e la sua composizione

Il secondo passo da affrontare nel progettare la cucina, che ad alcuni potrebbe sembrare l’ultimo ma che invece è di fondamentale importanza compiere all’inizio, è quello del posizionamento degli elementi della cucina stessa.

Scegliere quindi quali pareti o spazi del locale adibito a cucina, riempire con i mobili, i moduli e gli elettrodomestici, e quali invece lasciare eventualmente liberi per altri elementi. Alla base di questa scelta intervengono tre variabili:

  • spazio a disposizione
  • posizione di porte e finestre
  • posizione degli attacchi acqua, gas ed elettrici

 

A seconda di queste tre variabili, le possibilità tra cui scegliere la composizione di una cucina sono:

  • LINEARE
  • 2 LINEE
  • ANGOLO
  • 3 LINEE
  • ISOLE E PENISOLE

 

Distanze da rispettare nel progettare la cucina

Nel progettare la cucina, teniamo presente che gli elettrodomestici dovranno rimanere separati tra loro, o da spazio vuoto, oppure da moduli e porzioni di mobili:

  • una porzione di piano di lavoro, anche di qualche centimetro, tra piano di cottura e lavandino, è consigliabile
  • forno, lavastoviglie e frigorifero (anche eventuale lavatrice) devono essere lontani fra loro di almeno 60-80 cm
  • il frigorifero deve mantenere una certa distanza dal muro retrostante ( 5 – 15 cm)

 

 

Stili di cucine

Per tutte le altre tipologie di cucina, occorre farsi un’idea dello stile e del colpo d’occhio generale che si vogliono ottenere con la nostra composizione.

progettare una cucina

Gli stili tra cui scegliere variano a seconda di materiali, colori e design elettrodomestici. In base alla combinazione particolare di questi elementi, possiamo avere sostanzialmente alcuni stili generali di arredo per la cucina:

  • country o “hold Style”: tipico stile delle case di campagna in tinte pastello o neutre

 

  • classico: legno massiccio, piani di lavoro in marmo o simili, linee squadrate e stipi con inserti in vetro

 

  • moderno: dove laccati e laminati dai colori lucidi o opachi, anche in tonalità molto forti, si mescolano a linee talvolta curve, a vetri temperati e a volte anche all’acciaio, nei modelli componibili e modulari

 

  • contemporaneo o “hi-tech” (futuristico): dove entrano in gioco le più moderne tecnologie, con ante interamente in vetro lucido colorato, in acciaio oppure con disegni digitali, nonché fornite di elettrodomestici ad alte prestazioni hi-tech

 

 

Illuminazione?

 

 

Il sistema illuminotecnico non poteva assolutamente mancare in questo spazio sia per assolvere a funzioni quotidiane nel momento in cui la luce naturale viene meno, sia per armonizzare lo spazio.

Faretti 
sottopensili si sono introdotti per illuminare i piani di lavoro, lampade a sospensione al centro del soffitto e poi un articolato progetto illuminotecnico di strisce led davvero scenografico.

 

 

Conclusioni.

L’ambiente cucina è uno spazio davvero articolato, ogni elemento deve poter stare nella giusta collocazione, deve essere funzionale e allo stesso tempo bello a vedere, come la stessa cappa che deve armonizzare l’angolo cottura.

Niente può essere lasciato al caso e ciascun volume deve essere dimensionato secondo le esigenze spaziali e le necessità costruttive; importante è creare una rete impiantistica ad hoc per azionare gli elettrodomestici oppure adattare i mobili al sistema elettrico e idrico già presente.

Solo un’accorta progettazione fa di una cucina uno spazio davvero vivibile, pratico, bello da assaporare tutti i giorni con i propri familiari.

progettare casa - risultato

 

 

 

“da parte nostra mettiamo a disposizione dei nostri Clienti tutta l’esperienza accumulata, affinché ogni progetto sia il migliore possibile”.